Galleria Nazionale – Palazzo Arnone

La “National Gallery” cosentina, situata nel centro storico della città ed ospitata in un palazzo del ‘500 custodisce oggi collezioni di Mattia Preti, Luca Giordano e Pietro Negroni, opere di Corrado Giaquinto e Sebastiano Conca, cui si sono aggiunti di recente 38 dipinti dal ‘500 al ‘900 di proprietà della Banca Carime di Cosenza e dati in comodato d’uso alla Soprintendenza BSAE della Calabria, che ha sede nello stesso palazzo.

La Galleria Nazionale di Cosenza, situata nel prestigioso Palazzo Arnone, sul colle Triglio, in via G. V. Gravina a Cosenza, è sede della  Soprintendenza per i Beni Storici, Artistici ed Etnoantropologici della Calabria. È costituita dalla collezione dei dipinti che, a partire dagli anni Ottanta del Novecento, sono stati acquisiti al patrimonio dello Stato e documenta momenti significativi dell’arte italiana, in particolare meridionale, dal Cinquecento al Novecento. Espone opere di pittori nati in Calabria, da Pietro Negroni a Mattia Preti a Umberto Boccioni e, in considerazione della storica dipendenza della Calabria da Napoli, di artisti napoletani che hanno influenzato gli esiti della pittura locale.

La sede,Palazzo Arnone, fu eretto nel primo Cinquecento,da Bartolo Arnone e fu venduto allo stato prima di essere completato.

Nel tempo ospitò i presidi di Calabria Citeriore e il Grande Archivio di Giustizia, fu prima sede del Tribunale e della Regia Udienza e col tempo assunse la funzione di carcere.

Due gravi incendi: il primo nel 1734 in seguito ad un tumulto popolare e nel 1747 per una rivolta delle donne che vi erano detenute, lo resero temporaneamente inagibile. Qualche decennio più tardi venne restaurato e, nel 1758, il Governatore delle Calabrie vi fece costruire agli angoli quattro bastioni ( un primo era stato eretto dal preside Filomarino nel 1747). Ma il terremoto del 1854 fece crollare l’ultimo piano che non venne più ripristinato. Successivamente il piano superiore divenne sede del tribunale e quello inferiore carcere mandamentale. Dopo il trasferimento del carcere, iniziarono i lavori per l’adattamento della struttura a sede museale.

La Galleria Nazionale, recentemente riaperta al pubblico con un allestimento in linea con gli standard europei, ha ricevuto il riconoscimento istituzionale ufficiale con Decreto Regionale istitutivo del 30 maggio 2009. Annovera pregevoli opere di Mattia Preti ( Ercole che libera Prometeo, Ercole che libera Teseo, il Martirio di San Sebastiano, San Girolamo, Giacobbe, Labano il suo gregge e Rachele), due bozzetti di Sebastiano Conca, un dipinto di Stefano Liguoro; una Sacra Famiglia del cosentino Pietro Negroni; un bozzetto di Corrado Giaquinto che raffigura L’Olimpo e Apoteosi della Spagna; splendide tele di Luca Giordano ( Morte di Lucrezia, Morte di Cleopatra, Veduta di Napoli con architettura).

Nella piazza antistante venne piantato uno degli alberi della libertà e nel vasto androne con volta a botte è affrescato lo stemma del Reame di Spagna datato 1775.

Il 10 Luglio la collezione grafica di Umberto Boccioni (Reggio Calabria 1882 – Sorte 1916) è stata inaugurata al pubblico e allestita in una sezione della Galleria.

Le opere sono state acquisite al patrimonio dello Stato e destinate alla Galleria Nazionale di Cosenza nel 1996 e provengono dalla galleria privata di Lydia Winston Malbin, importante collezionista americana. Il nucleo più rappresentativo è costituito da studi anatomici e di figure, di paesaggi ed architetture. Tra i pezzi più interessanti Gisella, puntasecca del 1907; l’acquaforte La madre con l’uncinetto; gli studi per Contadini al lavoro e Campagna lombarda; i disegni preparatori per il dipinto La risata nonchè il pastello su cartoncino raffigurante Gisella della collezione d’arte di Banca Carime e in comodato d’uso presso la Galleria Nazionale di Cosenza.

Nell’occasione è stata presentata la scultura “Forme uniche della continuità nello spazio“, donazione di Roberto Bilotti alla Galleria Nazionale di Cosenza.

Ingresso libero
apertura: dal martedì alla domenica
orario: 10.00 – 18.00 
Via G.V. Gravina
tel. 0984 795639
fax 0984 71246
e-mail: sbsae-cal.segreteria@beniculturali.it
web: www.articalabria.it 

Cosenza Turismo

Tutte le informazioni per organizzare la tua visita in città, arte, cultura, eventi, enogastronomia e accoglienza.

info@cosenzaturismo.it
tel. +39 328 1754422
lun/dom 10am - 1 pm / 4pm - 8 pm

Newsletter Cosenza Turismo

Iscriviti per ricevere gli aggiornamenti su tutte le nostre attività

Copyright 2012 - Città di Cosenza

scroll to top