Dove mangiare

Attraverso le sue tipicità culinarie ed enologiche Cosenza vuole “prendere per la gola” i turisti che la visitano, raccontando così, con l’enogastronomia, la sua storia e la sua geografia.

S

pecialità gastronomiche tipiche cosentine sono, a partire dai primi: fusilli i casa (pasta fresca fatta in casa), pasta e patate ara tijeddra (rigatoni al forno con patate a fette, caciocavallo silano, salame, uovo sodo, parmigiano grattugiato, passata di pomodoro), pasta e vruacculi (pasta e broccoli neri), lagane e ciciari (lagane con ceci insaporite con un soffritto di olio, aglio ed alloro), pasta e muddrica (vermicelli preparati con mollica e filetti di alici soffritti); a proseguire con i secondi ed i contorni: patate e pipariaddri (patate e peperoni fritti), vruacculi i rapa e sazizza (broccoli di rapa e salsiccia), patate mpacchiuse (patate tagliate larghe e sottili e fritte), purpetti i carne (polpette di carne preparate con aglio), mazzacorde (interiora di capretto con sale, pomodoro e peperoncino), braciole di maiale (carne di maiale con ripieno di uova, sale, mollica di pane, aglio), capuzze (testine di capretto o agnello giovane fatte bollire, riempite in superficie di mollica di pane con prezzemolo, infornate con patate).

I ristoranti e le trattorie della città offrono una vasta gamma delle suddette specialità insieme ad altre prelibatezze culinarie regionali. Anche molte pizzerie, oltre a sfornare gustosissime pizze, propongono antipasti ed assaggi della cucina tradizionale.

SCARICA l’elenco dei RISTORANTI in CITTA’

T

ra le “stuzzicherie” tipiche troviamo i cuddrurieddri (ciambelle fritte preparate nel periodo dell’Immacolata ed in quello natalizio) che si possono gustare presso le numerose rosticcerie della città, nelle quali è possibile assaporare, inoltre, invitanti pizzette al taglio, calzoni, polpette, arancini e crocchette di patate.

Per quanto riguarda i dolci, tra quelli tipici possiamo citare: turdiddri e scaliddre (dolci natalizi preparati con miele, farina e vino, ricoperti di miele di fichi locale, di glassa di zucchero o semplicemente secchi), ginetti (ciambelle ricoperte di glassa), cuculi (dolci tipici pasquali modellati con un uovo sodo intrecciato nell’impasto), zeppole di San Giuseppe (zeppole fritte o al forno preparate durante tutto l’anno dalle pasticcerie della città, ma solo nel periodo della festività del Santo fatte in casa), varchiglie alla monacale (pasta secca a forma di barchetta con ripieno di mandorle e ricoperta di cioccolato) ed i torroncini torrefatti da gustare presso il Gran Caffè Renzelli (C.so Telesio 71 – tel 0984.26814 – www.grancafferenzelli.it), locale storico situato nel cuore della città vecchia.

Varie sono in città le pasticcerie ed i bar che preparano ottimi caffè, aperitivi, prodotti di tavola calda, gelati, sorbetti ed offrono una grande varietà di dolciumi lavorati artigianalmente. Anche le gelaterie della città offrono invitanti gelati, semifreddi, granite ed un’ampia varietà di gusti; tra quelle storiche si segnalano: l’Antica Gelateria Zorro (P.zza dei Valdesi 235/237) e la Gelateria Pop (C.so Mazzini 95 – tel. 0984 24594). Lo stesso Michele Tenore, celebre botanico, scrisse di Cosenza nel 1826: «Capoluogo…di eleganti botteghe da caffè e da sorbetti, che vi sono squisitissimi…».
Come prodotti della terra tipici del cosentino meritano una citazione i fichi dottati (coltivati nelle serre consentine, nella valle del Crati e sui colli che attorniano il Castello svevo, nella parte vecchia della città) raccolti tra agosto e settembre, lavorati a mano e preparati ricoperti di cioccolato, al miele, al mirto o semplici, farciti di mandorle e modellati a crocetta, a steccato, a treccia od a pallone dalle aziende Garritano 1908 (www.garritano1908.com) e Luigi Bertini (www.luigibertini.it): si tratta di una qualità di fichi pregiata perchè di media pezzatura, con buccia chiara, polpa morbida ed, inoltre, hanno all’interno semi molto piccoli, quasi impercettibili al palato. Tale qualità di fico è un presidio Slow Food e non molto distante dalla città, precisamente nel comune di Torano Castello, è presente un consorzio di tutela che riunisce i coltivatori ed i trasformatori del prodotto. Rinomata è anche, nel territorio, la produzione di sale, precisamente la trasformazione delle pietre di sale (salgemma), provenienti dalle miniere della Sicilia, in un prodotto fino e puro dalla ditta Borrelli (www.saleborrelli.it).

Cosenza è iscritta all’Associazione Nazionale Città del Vino, fa parte dell’area di riferimento di una Strada del Vino e dei Sapori (Strada del Vino e dei Sapori del Brutium) e conta un marchio Doc (Vino Donnici) per un vino prodotto nel proprio territorio.

T

ale vino si trova nelle seguenti varietà: rosso, rosato, bianco, rosso novello, rosso riserva. Tra i maggiori produttori di vino Donnici Doc si segnalano le aziende: Azienda Agricola Donnici 99 (Loc. Verzano, Donnici Inf. – tel 0984 781842 – www.donnici99.com), Cantine Bozzo (C.da Muraglione 17, Donnici Inf. – tel 0984 780332 – www.cantinebozzo.it), Cantine Spadafora (Zona Industriale di Piano Lago, Mangone – tel 0984 969080 – www.cantinespadafora.it), Cantina Artigianale Filice (C.da Albo Monterosa 8, Donnici Inf. – tel 0984 780311 – www.monterosadifiego.it).
Nella frazione di Donnici ha sede, inoltre, l’Associazione Nazionale “Accademia Italiana Donnici D.O.C.” (www.accademiadelvinodonnicidoc.it), con finalità di promozione e valorizzazione del marchio Donnici Doc. Per quanto riguarda la produzione vitivinicola, il vitigno dominante della Doc Donnici è il gaglioppo. Nel mese di Ottobre, ogni anno, nella frazione di Donnici Inferiore si svolge la Sagra dell’Uva e del Vino Donnici Doc, con degustazioni, concerti musicali, spettacoli di strada e vendita di prodotti tipici vari. Altro vino a marchio Igt prodotto nel territorio è il Calabria.

 

Cosenza Turismo

Tutte le informazioni per organizzare la tua visita in città, arte, cultura, eventi, enogastronomia e accoglienza.

info@cosenzaturismo.it
tel. +39 328 1754422
lun/dom 10am - 1 pm / 4pm - 8 pm

Newsletter Cosenza Turismo

Iscriviti per ricevere gli aggiornamenti su tutte le nostre attività

Copyright 2012 - Città di Cosenza

scroll to top